Mese: Settembre 2019

La chiamata di Matteo.

La chiamata di Matteo.

«Matteo, figlio di Alfeo, l’ora è suonata. Vieni. Seguimi!», impone Gesù maestosamente.
«Io? Maestro, Signore! Ma sai chi sono? Per Te, non per me lo dico…».
«Vieni. Seguimi, Matteo, figlio d’Alfeo», ripete più dolce.
«Oh! come posso aver trovato grazia presso Dio? Io… Io…».
«Matteo, figlio di Alfeo, Io ti ho letto il cuore. Vieni, seguimi». Il terzo invito è una carezza.
«Oh! subito, mio Signore!»

Nascita di Maria. La sua verginità nell’eterno pensiero del Padre.

Nascita di Maria. La sua verginità nell’eterno pensiero del Padre.

Passa di corsa una donna e grida: «Gioacchino! Sta per nascere! E tutto fu svelto e felice!», e scompare con un’anforetta fra le mani.

La pesca miracolosa e l’elezione dei primi quattro apostoli.

La pesca miracolosa e l’elezione dei primi quattro apostoli.

«Maestro, ho le braccia rotte dall’aver gettato e rialzato la rete per tutta la notte, e per nulla. Il pesce è nel profondo e chissà dove». «Fa’ quel che ti dico, Pietro. Ascolta sempre chi ti ama».

Guarigione della suocera di Simon Pietro.

Guarigione della suocera di Simon Pietro.

Gesù sorride ancora. La prende per mano. La mano rugosa e dalle vene gonfie sparisce nella mano giovanile di Gesù, che si raddrizza e prende il suo aspetto di quando fa miracolo e grida: «Sii guarita! Lo voglio! Alzati!»

Un indemoniato guarito nella sinagoga di Cafarnao a conclusione di una disputa.

Un indemoniato guarito nella sinagoga di Cafarnao a conclusione di una disputa.

«Taci! Esci da costui. Lo comando». L’uomo è preso come da un parossismo strano. Si dimena a strattoni, come se ci fosse chi lo maltratta con urti e strapponate, urla con voce disumana, spuma e poi viene gettato al suolo da cui poi si rialza stupito e guarito.