Che cos’è Halloween

29 Ottobre 2019
2 minuti di lettura

Nasce in Irlada dal popolo celtico

La parola Halloween è la contrazione della frase “All Hallows Eve” che letteralmente significa “La notte di Ogni Santi“, ricorrenza cristiana che viene festeggiata il 1 Novembre e che coincide con una tradizione (ben più antica e pagana) dell’Irlanda e dei Celti. I Celti, popolo di pastori, erano soliti festeggiare la fine dell’estate, quando riportavano a valle le greggi e si preparavano per l’inverno, con un rito che si svolgeva nella notte tra il 31 Ottobre e il 1 Novembre. Usavano i colori arancio (che richiamava la mietitura) e il nero (che evocava il buio dell’inverno). La morte era il tema principale. Si credeva infatti, che Samhain, il signore della morte, chiamasse a sè tutti gli spiriti dei morti facendo sì che l’aldilà si fondesse con il mondo dei vivi e permettendo agli spiriti erranti di vagare indisturbati sulla terra.

La leggenda di Jack fantasma

L’antica leggenda irlandese racconta di Jack, un uomo malvagio, perverso e tirchio, che la notte di Ognissanti, dopo essersi ubriacato, viene colto da un attacco mortale di cerrosi epatica. Il diavolo nel reclamare la sua anima viene raggirato da Jack e si trova costretto ad esaudire acluni suoi desideri tra cui quello di lasciarlo in vita. Jack muore dopo un anno; rifiutato dal Paradiso, non trova posto nemmeno all’inferno a causa del raggiro fatto al diavolo. Così intaglia una rapa/zucca mettendovi dentro una brace fiammeggiante. Con questa lanterna Jack fantasma torna sul mondo dei vivi la notte di Halloween.

E’ una festa diabolica

Questa leggenda è costruita su una duplice menzogna: che l’uomo malvagio può essere più furbo del diavolo e che le porte degli inferi, per questo, gli si possono chiudere. Inoltre contiene richiami a pratiche sataniche come chiedere al diavolo di esaudire i propri desideri! Pertanto la festa di Halloween altro non è che una festa esoterica! Questa è la verita. L’inganno consiste nel considerare innocuo ciò che invece è estremamente dannoso come ci ricorda il profeta Isaia: “Guai a coloro che chiamano bene il male e male il bene, che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che cambiano l’amaro in dolce e il dolce in amaro” (Isaia 5,20).

Teniamoci alla larga da queste tradizioni mondane che fanno entrare il male nelle nostre famiglie, non lasciamo che i nostri figli festeggino il demonio, è estremamente pericoloso! Con il diavolo non si scherza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *