La verginità di San Giuseppe e il matrimonio con Maria Santissima

29 Aprile 2019
8 minuti di lettura

Secondo alcuni scritti apocrifi dei primi secoli, come il libro Storia di Giuseppe il falegname, il Protovangelo di Giacomo o il Vangelo di Tommaso, che risalgono al II secolo, o più tardi, san Giuseppe sarebbe stato sposato prima di conoscere Maria e avrebbe avuto almeno sei figli, che sarebbero, secondo alcuni, i cosiddetti fratelli di Gesù.Rimasto vedovo, compiuti ormai gli 89 anni, si sarebbe sposato con Maria, che avrebbe avuto 14 o 15 anni. Secondo questi testi apocrifi, egli sarebbe vissuto fino a 111 anni, passandone circa venti con Gesù. Questi libri diffusero la credenza che Giuseppe era molto anziano, che più che un marito era un padre per Maria e che l’avrebbe sposata per salvare le apparenze sociali. Niente di più falso!

San Giuseppe dovette affrontare tutte le responsabilità di una famiglia, il che sarebbe risultato impossibile se fosse stato molto vecchio, bisognoso quindi di cure e di attenzioni. Come avrebbe potuto condurre la Sacra Famiglia attraverso il deserto con tutti i pericoli e con tutto lo sforzo che presupponevano venti giorni di cammino per arrivare in Egitto? Dio mise a fianco di Maria un compagno ed uno sposo forte e vigoroso per difenderla da tutti i pericoli e per aiutarla in tutte le sue necessità. Uno sposo, che dovette lavorare molto per mantenere una famiglia povera, specialmente durante la sua permanenza in Egitto, dove non avevano parenti. Descrivere Giuseppe come un vecchio malato è qualcosa che solo i libri apocrifi e fantasiosi potevano inventare.

Il padre Tomás Morales, fondatore dei Cruzados de Santa María, afferma: Ecco san Giuseppe: larghe spalle per il lavoro, non perde un secondo, continua ad adorare e a lavorare, è sempre sollecito nel prendersi cura della Vergine e soprattutto del Bambino Gesù. Non ha un minuto libero, non pensa ad altro che ad amare, adorare e lavorare per loro. Ecco chi è san Giuseppe. È il responsabile dei rapporti esterni della Sacra Famiglia. È lui che deve preoccuparsi di tutto a Nazaret, nei quattro o cinque giorni di strada verso Betlemme, nella grotta, in Egitto più tardi e poi di nuovo a Nazaret, sempre mantenendo relazioni con tutti.

Per questo, fin dai primi secoli, diversi santi Padri dovettero parlare di un san Giuseppe giovane e non anziano e vedovo. San Girolamo difende la sua verginità in un suo scritto contro Elvidio: Tu dici che Maria non fu vergine; io rivendico per me ancor di più, ossia che anche lo stesso Giuseppe fu vergine per Maria, affinché dal consorzio verginale nascesse il Figlio vergine. Nel santo uomo non vi fu fornicazione e non è stato scritto che abbia avuto un’altra donna. Di Maria fu piuttosto custode che marito; ne consegue che sia rimasto vergine con Maria, colui che meritò d’esser chiamato padre del Signore.

San Pier Damiani (1007-1072) scrisse: Non pare che fosse sufficiente che soltanto la Madre fosse vergine; fa parte della fede della Chiesa che anche chi fece le veci di padre sia stato vergine. Il nostro Redentore ama tanto l’integrità del pudor fiorito, che non solo nacque da seno verginale, ma anche volle essere toccato da un padre vergine.
San Tommaso d’Aquino dice: Si deve credere che Giuseppe rimase vergine, perché non appare scritto che abbia avuto un’altra donna e l’infedeltà non possiamo attribuirla ad un personaggio così santo.

Dice san Francesco di Sales (1567-1622): Maria e Giuseppe avevano fatto voto di verginità per tutta la vita ed ecco che Dio ha voluto che si unissero attraverso il vincolo del santo matrimonio, non per sciogliere o pentirsi del loro voto, anzi, perché si confermassero sempre più e si incoraggiassero a vicenda uniti per tutta la vita.
Molti santi importanti sono convinti dell’esistenza di un voto di verginità di Giuseppe prima di sposarsi con Maria, ma ciò che è certo è che a partire dal matrimonio con Maria il voto ci sia stato per adempiere alla volontà di Dio.

Matrimonio di giuseppe e Maria

La prima cosa che dobbiamo sottolineare è che fu un vero matrimonio, nonostante non ci sia mai stato tra loro il rapporto carnale. Lo Spirito Santo riconosce nel Vangelo: Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù chiamato il Cristo (Mt 1, 16).
Giuseppe era vero sposo di Maria e tra loro vi era un vero matrimonio. Analizzando la natura del matrimonio, tanto sant’Agostino come san Tommaso d’Aquino, la pongono sempre nell’indivisibile unione spirituale, nell’unione dei cuori, nel consenso, elementi che in quel matrimonio si sono manifestati in modo esemplare.

Nel momento culminante della storia della salvezza, quando Dio rivela il suo amore verso l’umanità mediante il dono del Verbo, è precisamente il matrimonio di Maria e Giuseppe ciò che realizza in piena libertà il dono sponsale del sì, nell’accogliere ed esprimere tale amore. Dice sant’Agostino: Maria appartiene a Giuseppe e Giuseppe a Maria, perciò il loro fu un vero matrimonio in quanto si consegnarono l’uno all’altro. Ma in che senso si sono consegnati? Essi si sono consegnati mutuamente la loro verginità e il diritto di conservarla l’uno all’atro.

Maria aveva il diritto di conservare la verginità di Giuseppe e Giuseppe aveva il diritto di custodire la verginità di Maria. Nessuno dei due può disporre dell’altro e tutta la fedeltà di questo matrimonio consiste nel conservare la verginità.
Sant’Agostino, considerando che Matteo scrive la genealogia degli antenati di Gesù a partire da Giuseppe, discendente di Davide, dice che Dio riconosce che fu un vero matrimonio; poiché altrimenti non sarebbe mai stato possibile chiamare Gesù, figlio di Giuseppe. E dice: Gesù venne considerato nella genealogia di Giuseppe affinché i fedeli non ritenessero così importante nel matrimonio l’unione dei corpi, a tal punto da non ritenersi sposi senza l’unione corporale…

Con questo esempio viene magnificamente insegnato ai fedeli sposati che anche praticando la castità di comune accordo, il matrimonio può rimanere tale se si conserva l’affetto, anche se non c’è unione sessuale.
Papa Leone XIII disse nell’enciclica Quamquam pluries dell’agosto del 1889: Il matrimonio è la massima società e amicizia, alla quale per sua natura va unita la comunione dei beni. Dio ha dato Giuseppe a Maria, non soltanto come compagno di vita ma anche come testimone della sua verginità. [Come diceva Giovanni Paolo II: D’altra parte, è dal matrimonio con Maria che sono derivati a Giuseppe la sua singolare dignità e i suoi diritti su Gesù].

È certo che la dignità di Madre di Dio poggia sì alto, che nulla vi può essere di più sublime; ma perché tra la beatissima Vergine e Giuseppe fu stretto un nodo coniugale, non c’è dubbio che a quell’altissima dignità, per cui la Madre di Dio sovrasta di gran lunga tutte le creature, egli si avvicinò quanto mai nessun altro. Poiché il connubio è la massima società e amicizia, a cui di sua natura va unita la comunione dei beni, ne deriva che, se Dio ha dato come sposo Giuseppe alla Vergine, glielo ha dato non solo a compagno della vita, testimone della verginità e tutore dell’onestà, ma anche perché partecipasse, per mezzo del patto coniugale, all’eccelsa grandezza di lei. (Leone XIII, «Quamquam Pluries», die 15 aug. 1889: «Leonis XIII P. M. Acta» IX [190] 177s).

Dice Sheen Fulton: Giuseppe e Maria unirono i loro cuori come due stelle che non si congiungono mai, mentre i loro raggi luminosi si incrociano nello spazio. Fu un matrimonio simile a quello che avviene a primavera tra i fiori, che uniscono i loro profumi, o a due strumenti musicali che uniscono le loro melodie all’unisono, formandone una sola…
Il loro matrimonio era necessario per preservare la Vergine da qualsiasi sospetto finché non fosse arrivato il momento di rivelare il mistero della nascita di Gesù… A mio parere, san Giuseppe doveva essere, quando si sposò con la Vergine, un uomo giovane, forte, virile, atletico, di bell’aspetto e casto; un prototipo dell’uomo, che oggi possiamo vedere in una prateria curando il bestiame o pilotando un aereo o lavorando in una falegnameria. E non un anziano impotente, ma un uomo che sprizza vigore giovanile; non un frutto secco, ma un fiore, sano e molto promettente; non al tramonto della vita, ma all’alba, traboccante di energia, forza e amore.

Come si ingigantiscono le figure della Vergine e di san Giuseppe, quando soffermandoci ad esaminare la loro vita, scopriamo in essa la prima poesia d’amore! Il cuore umano non si commuove dinanzi all’amore di un vecchio per una giovane; ma come non rimanere profondamente ammirati dall’amore di due giovani uniti da un vincolo divino? Maria e Giuseppe portarono alle loro nozze non soltanto il loro voto di verginità, ma anche due cuori pieni di un grande amore, più grande di qualsiasi altro amore che cuore umano abbia mai potuto contenere. Nessuna coppia di coniugi si è mai amata così tanto…

Come disse Papa Leone XIII: Il loro matrimonio fu consumato con Gesù. Maria e Giuseppe si unirono con Gesù; Maria e Giuseppe non pensarono ad altro che a Gesù. Amore più profondo non c’è mai stato né ci sarà mai più su questa terra. San Giuseppe rinunciò alla paternità del sangue, ma la ritrovò nello spirito, perché fu padre adottivo di Gesù. La Vergine rinunciò alla maternità e la ritrovò nella propria verginità.

San Giuseppe: Il Più Santo dei Santi [P. ÁNGEL PEÑA]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *